+ Rispondi
Visualizzazione dei risultati da 1 a 6 su 6

Discussione: affitto non pagato..che faccio?

  1. #1
    Member salvo is on a distinguished road L'avatar di salvo
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    caserta
    Messaggi
    14
    Potenza della reputazione
    3118

    affitto non pagato..che faccio?

    sono il proprietario di un bilocale affittato con un contratto ad uso
    transitorio di un mese non registrato. L'inquilino da un mese non sta
    pagando il canone e penso non lo paghera' piu', in quanto non ha soldi.

    Per fargli lasciare limmobile e' legale se chiedo all'enel di staccare
    la fornitura di energia elettrica ? In questo modo penso che lascera'
    la casa da solo.

    Le bollette sono intestate a me, ed lui oltre a non pagarmi il canone
    non mi sta pagando neanche le bollette di acqua e luce.

  2. #2
    Member bellanonna is on a distinguished road L'avatar di bellanonna
    Registrato dal
    Jul 2012
    residenza
    roma
    Messaggi
    35
    Potenza della reputazione
    3139

    c'e' qualcosa che non quadra contratto a uso transitorio di un mese"
    non è compatibile con
    "da un mese non sta pagando il canone"

  3. #3
    Member bionda is on a distinguished road L'avatar di bionda
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    sassari
    Messaggi
    14
    Potenza della reputazione
    3100

    No, semplicemente farà un nuovo contratto a nome suo.
    Scusa ma non capisco, il contratto è di un solo mese, quali bollette
    dovrebbe pagarti, visto che arrivano dopo 3 mesi?

  4. #4
    Member verderame is on a distinguished road L'avatar di verderame
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    caltanissetta
    Messaggi
    11
    Potenza della reputazione
    3097

    A meno che non intendesse: "contratto a uso transitorio di un mese, che ogni mese rifaccio nuovo"...

  5. #5
    Member bionda is on a distinguished road L'avatar di bionda
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    sassari
    Messaggi
    14
    Potenza della reputazione
    3100

    in questo caso non vedo il problema, quando smette di pagare non si rifà
    il contratto.

  6. #6
    Super Moderator Avvocato Online is on a distinguished road L'avatar di Avvocato Online
    Registrato dal
    Jul 2010
    residenza
    Roma
    Età
    65
    Messaggi
    141
    Potenza della reputazione
    3982

    Per la legge , il tuo contratto è nullo. La nullità , è conseguente alla
    mancata registrazione- prassi molto diffusa nel nostro Paese che
    contribuisce ad aggravare il debito pubblico dello Stato.

    Come avrai capito, la nullità del contratto implica in primo luogo,
    dunque, la non debenza dei canoni da parte del conduttore (ed
    eventualmente la restituzione di quelli ricevuti se documentati)
    in assenza di titolo formale che ne giustifichi il pagamento.

    Allo stato , sono auspicabili due possibili soluzioni:

    1). Registrazione tardiva del contratto, con una determinazione ex lege
    degli effetti che questa produce a seguito della registrazione , e non
    tecnicamente una convalida dell'atto nullo.
    Infatti, l'art. 3, D.Lgs. n. 3/ 2011 prevede che per i contratti di
    locazione degli immobili a uso abitativo, comunque stipulati, che,
    ricorrendone i presupposti, non sono registrati entro il termine
    stabilito dalla legge:
    a).la durata della locazione è stabilita in quattro anni a decorrere
    dalla data della registrazione, volontaria o d’ufficio;
    b).a decorrere dalla registrazione il canone annuo di locazione è
    fissato in misura pari al triplo della rendita catastale. Se il
    contratto prevede un canone inferiore, si applica comunque il canone
    stabilito dalle parti (art. 3, comma 8, D.Lgs. n. 23/2011).

    2). Citazione ordinaria per occupazione sine titulo (in sei-sette anni
    dovresti riuscire a mandarlo via) e sempre se il tuo inquilino non opti
    egli stesso per la registrazione tardiva di cui al punto precedente.

    Colgo l'opportunità per salutare tutti i locatori, proprietari di
    immobili che , malgrado oggigiorno possono optare per un favorevolissimo
    meccanismo della c.d. ‘‘cedolare secca’’: con la tassazione del canone
    percepito in misura fissa pari al 21% , sostitutiva dell'imposta sul
    reddito delle persone fisiche e delle relative addizionali , nonché
    delle imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione;
    continuano a non registrare i canoni di locazioni per non pagare le
    tasse aggravando la situazione di crisi che stiamo vivendo.

    Rammento , inoltre, che un "povero" operaio con una retribuzione
    compresa mediamente tra 15000 e 28000, è stato assoggettato ad un
    aliquota IRPEF del 27%, contro il trattamento di favore del 21%
    riservato ai signori locatori.
    Sono qui per rispondere alle Vostre domande

    Le risposte fornite su questo forum sono pareri legali molto sommari ed allo stato delle informazioni fornite.Si tratta di risposte rapide e generiche, certamente scritte con competenza ma non approfondite

    Per un consulto completo, sottoscritto e che disamini con la dovuta cura la questione sottoposta si raccomanda di usare la apposita procedura prevista dal sito www.legal.it

+ Rispondi

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

     

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Vota questo sito