+ Rispondi
Visualizzazione dei risultati da 1 a 4 su 4

Discussione: Prorietà e servitù di passaggio condominiali

  1. #1
    Junior Member Magister is on a distinguished road L'avatar di Magister
    Registrato dal
    Mar 2013
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    2
    Potenza della reputazione
    3240

    Prorietà e servitù di passaggio condominiali

    Buongiorno,

    da qualche anno mi trovo ad abitare in un appartamento a cui si accede attraverso un passaggio (chiuso da cancello elettrico) coperto di proprietà di terzi, gravato da servitù di passaggio pedonale e carrabile.
    Per rendere meglio l'idea, il passaggio coperto è stato ricavato alla base di una palazzina i cui condomini accedono da un altro ingresso (e altro n. civico): questo corridoio è dunque coperto dalle mura di questa palazzina, e si apre in una piccola corte dove sono collocati dei posti macchina per gli inquilini del mio fabbricato e le fosse biologiche e i pozzetti di tutte le unità immobiliari del mio fabbricato e del fabbricato adiecente. Pertanto tale resede risulta gravato delle relative servitù anche per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle fosse biologiche.
    Nell'atto notarile di compravendita del mio appartamento è scritto che la parte acquirente (io) acconsente al passaggio solo ed esclusivamente pedonale sul resede condominiale per la vuotatura e manutenzione delle fosse biologiche e pozzetti al servizio del fabbricato adiacente e distinto dall'altro numero civico.
    Da qualche tempo alcune famiglie del fabbricato adiacente, avendo notato stazionare alcune biciclette all'interno del passaggio coperto, hanno rivendicato il diritto di mettere anche le loro, e ci hanno scritto una lettera in cui affermavano che il corridoio coperto è di esclusiva proprietà del loro condominio, e noi condomini "interni" abbiamo solo il diritto di passo per l'accesso alle nostre abitazioni e dobbiamo consentire uno spazio per le loro biciclette.
    Il problema si pone adesso che lo spazio non è più sufficiente per tutte le biciclette e si rischierebbe di ostacolare e ostruire il passaggio dei veicoli in entrata e in uscita dal cancello.

    Hanno ragione le famiglie del fabbricato adiacente a rivendicare questo?
    Noi condomini "interni" abbiamo il diritto di appoggiare le nostre biciclette nel passaggio?
    Se entrambi abbiamo il diritto di farlo, come possiamo giungengere ad una soluzione?

    Grazie per i vostri consigli e suggerimenti

  2. #2
    Administrator Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of L'avatar di Avv. Amedeo Di Segni
    Registrato dal
    Apr 2010
    residenza
    Roma
    Età
    71
    Messaggi
    1,079
    Potenza della reputazione
    50

    La servitù è di solo passaggio per la manutenzione, non per lo stazionamento.

    Dunque non vedo come possano rivendicare un diritto di parcheggio di bicicli, anche se qualcuno gode nei fatti di tale privilegio ma, credo, da tempo limitato e quindi senza aver potuto usocapire tale diritto
    Amedeo Di Segni
    Tutti i quesiti proposti sul forum e di interesse generale riceveranno una risposta da uno degli avvocati competenti abilitati.
    Le richieste di parere personalizzato o che richiedano studio particolare o proposte attraverso il messaggio privato saranno invece soggette al pagamento di un onorario previa preventivo non impegnativo.

  3. #3
    Junior Member Magister is on a distinguished road L'avatar di Magister
    Registrato dal
    Mar 2013
    residenza
    Firenze
    Messaggi
    2
    Potenza della reputazione
    3240

    Solo una precisazione: io sono soggetto a servitù, il passaggio coperto e chiuso da cancello automatico è a nostro utilizzo ma la mera proprietà è della palazzina dei vicini che vogliono metterci le loro biciclette; ma nell'atto di compravendita noi "interni" acconsentiamo l'accesso pedonale solo ai fini di manutenzione delle fosse biologiche e dei pozzetti; a mio avviso questo significa che i vicini non possono utilizzare liberamente il passaggio coperto (anche se di loro proprietà) neanche pretendere di far stazionare le loro bici. Ma solo previo il nostro consenso, e solo nei modo e per le finalità previste nell'atto notarile.

    Grazie

  4. #4
    Administrator Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of L'avatar di Avv. Amedeo Di Segni
    Registrato dal
    Apr 2010
    residenza
    Roma
    Età
    71
    Messaggi
    1,079
    Potenza della reputazione
    50

    Molto semplicemente il limite di utilizzo da parte dei proprietari dell'area è quello di consentire il libero e completo espletamento della servitù di passaggio.

    Pertanto il quesito è piuttosto semplice nella sua soluzione: chi è titolare del diritto di servitù di passaggio ha quindi il diritto di utilizzare il cancello elettrificato per accedere al proprio immobile, mentre i proprietari hanno tutti gli altri diritti, purché non ostacolino i primi. Dunque possono parcheggiare tutte le biciclette che vogliono, per manutenzione, purché rimanga lo spazio sufficiente a garantire a voi il libero utilizzo della servitù
    Amedeo Di Segni
    Tutti i quesiti proposti sul forum e di interesse generale riceveranno una risposta da uno degli avvocati competenti abilitati.
    Le richieste di parere personalizzato o che richiedano studio particolare o proposte attraverso il messaggio privato saranno invece soggette al pagamento di un onorario previa preventivo non impegnativo.

+ Rispondi

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

     

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Vota questo sito