+ Rispondi
Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2

Discussione: Problemi con la Società S.A.S.

  1. #1
    Member istantfunk is on a distinguished road
    Registrato dal
    Dec 2012
    residenza
    Palermo
    Età
    51
    Messaggi
    12
    Potenza della reputazione
    2786

    Problemi con la Società S.A.S.


    A giugno di quest'anno ho acquistato un panificio in societàcon mio cognato e suo padre.

    Per una situazione di comodo abbiamo deciso di istituire unaS.A.S. dove il padre di mio cognato ha assunto la funzione di Amministratore,le quote ripartite nell'atto costitutivo sono il 49 % per me ,il 46% per ilpadre per mio cognato il restante 6% permio cognato. Nella realtà le quote dell'azienda sono suddivise in, 50% per meed il restante 50% tra mio cognato e suo padre.

    Faccio presente che in presenza del notaio lo stesso giornoche abbiamo istituito la società ho fatto una scrittura privata firmate daentrambe le parti dove viene specificato le reale ripartizioni di quotesociali.

    Da un pò di tempo direi da quasi subito l'inizio attività irapporti tra noi soci, sono inaspriti, l'amministratore ci tratta da dipendentie non fà altro che reclamare la sua autorità facendo dei soprusi nei mieiconfronti. In tutta questa storia sottolineo che la costituzione di questasocietà è stata creata per una situazione di comodo e che tutti i socierano alla pari ,nella realtà questo non si stà verificando.

    Faccio anche presente che le trattative e la propostadell'acquisto dell’attività è stata fatta da me.

    Da tutto principio lasocietà doveva essere tra me e mio cognato, suo padre è voluto entrare perforza scoraggiando il figlio nel caso non entrasse anche lui ed ha volutoassumere la carica di Amministratore. Tutto questo mi aveva un pòallarmato ,infatti prima di aprire il forno avevo chiarito questa miapaura. Adesso sono sempre più convito che lui voglia farmi fuori.

    Chiedo se posso difendermi da questa situazione reclamando imiei diritti. Voglio smontare la S.A.S e ricostituirne un'altra dove tutti i soci hanno glistessi poteri e diritti inserendo le quote reali di ripartizione. Se dovròrivolgermi ad un' avvocato specializzato per queste problematiche,qualemi consigliate?

    In attesa di una risposta ,in seguito ho un'altro quesito daporgere.





  2. #2
    Administrator Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of Avv. Amedeo Di Segni has much to be proud of L'avatar di Avv. Amedeo Di Segni
    Registrato dal
    Apr 2010
    residenza
    Roma
    Età
    69
    Messaggi
    1,078
    Potenza della reputazione
    50

    Quando si fonda una società ma, contemporaneamente, si redige un atto sottostante dal quale risulta una diversa realtà, è sempre possibile impugnare l'atto ufficiale dichiarandolo, e chiedendo che sia dichiarato, un atto simulato, in questo caso per simulazione oggettiva e soggettiva.

    In conseguenza di ciò è possibile comunicare ufficialmente agli altri 2 soci la volontà di ristrutturare formalmente e sostanzialmente l'assetto societario secondo le reali intenzioni di chi ha costituito la sas e non più secondo le condizioni apparenti.

    Se i suoi soci/familiari comprendono la fondatezza della richiesta (magari dopo aver consultato un avvocato) e quindi aderiscono spontaneamente lei ha risolto il suo problema.

    Se invece non si raggiunge un accordo bonario, sarà necessario notificare un atto di citazione per la dichiarazione della simulazione.

    In tal caso le verrebbe riconosciuta la titolarità del 50% delle quote il che non le da diritto di "dominare la società" a suo piacimento ma di avere metà dei voti. Purtroppo nessun socio ha la maggioranza assoluta e non esiste il cosiddetto "socio tiranno" per cui nessuno potrà mai davvero governare se non con il consenso di almeno uno degli altri 2 soci.

    Rispondendo alla sua domanda: Legal&Legal è disponibile a metterle a disposizione un avvocato specializzato che curi intanto la prima fase e più urgente: redigere la RAR che diffidi gli altri soci a riconoscere le quote effettive. Se ce farà richiesta le verrà prospettato il relativo preventivo.
    Amedeo Di Segni
    Tutti i quesiti proposti sul forum e di interesse generale riceveranno una risposta da uno degli avvocati competenti abilitati.
    Le richieste di parere personalizzato o che richiedano studio particolare o proposte attraverso il messaggio privato saranno invece soggette al pagamento di un onorario previa preventivo non impegnativo.

+ Rispondi

Informazione discussione

Utenti che visualizzano questa discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che visualizzano di questa discussione. (0 utenti 1 ospiti)

     

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
Vota questo sito